Licata Today

Custode della villa aggredito per un rimprovero, solidarietà del sindaco

L'episodio è accaduto nel parco Regina Elena. L'addetto alla vigilanza aveva invitato alcuni giovani a evitare intemperanze. Cambiano: "Forze dell'ordine facciano chiarezza, gesto grave"

Il Comune di Licata

Un dipendente del Comune di Licata, addetto al servizio di vigilanza nella villa Regina Elena, è stato aggredito da un gruppo di giovani che aveva rimproverato a causa di alcune intemperanze che avevano commesso. L'episodio è avvenuto venerdì. Il sindaco Angelo Cambiano gli ha espresso solidarietà. 

"Quanto accaduto presso la villa comunale Regina Elena - ha detto il sindaco - è semplicemente inaudito e va condannato senza se e senza ma, al nostro dipendente va la solidarietà del sottoscritto e di tutta la giunta municipale. Il mio auspicio è che le forze dell'ordine, già informate di questo increscioso episodio, possano al più presto risalire agli autori dell'aggressione all'interno di una pubblica struttura regolarmente aperta al pubblico e frequentata da famiglie con bambini".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Ha sequestrato in casa l'anziana madre", arrestato cinquantaseienne

    • Cronaca

      "Droga e pistola illegale dentro casa", arrestati due giovani

    • Canicatti

      Omicidio Vinci, convalida arresto e carcere per Lodato

    • Cronaca

      Sbarco di migranti a Zingarello, in cinque approdano illegalmente

    I più letti della settimana

    • "Vuole uccidere l'ex fidanzata e sfonda il portone", arrestato trentatreenne

    • "Trovato in possesso di un chilo e 800 grammi di marijuana", arrestato 48enne

    • "Scoperto con dodici vasi di piante di cannabis", arrestato operaio 45enne

    • Brucia l'auto di una casalinga, i carabinieri avviano le indagini

    • "Rapinò una donna e tentò di estorcere dei soldi", arrestato quarantenne

    • Brucia l'auto di un disoccupato quarantenne, i carabinieri avviano le indagini

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento