LicataNotizie

La conta dei danni, in città i tecnici della Regione: ecco le misure da adottare

Giuseppe Aronica, docente di idraulica presso l'università di Messina, incaricato dalla Regione ha seguito evidenziato la necessità di provvedere ad uno studio idrogeologico

Licata conta i danni. Oggi nella città del sindaco Galanti sono arrivati degli esperti della Regione. Il primo cittadino ha incontrato Salvatore Licata. L'esperto è stato accompagnato in giro per un sopralluogo sui luoghi maggiormente colpiti dall'alluvione. Giuseppe Aronica, docente di idraulica presso l'università di Messina, incaricato dalla Regione ha seguito evidenziato la necessità di provvedere ad uno studio idrogeologico del territorio ma anche al riassetto idraulico del fiume Salso.

 Arnone, a cui il Comune ha anche fornito documenti  tecnico-amministrativi,  dovrà redigere una relazione tecnico scientifica mirata alla individuazione dei progetti necessari al raggiungimento dell'obiettivo che è quello di garantire la tutela di persone e cose da successivi gravi eventi atmosferici.

Il vice sindaco Antonio Montana e l'assessore ai lavori pubblici, territorio ed ambiente, Riccardo De Ninnis, hanno dato vita ad un tavolo tecnico. All'incontro hanno preso parte i tecnici  comunali ed esterni e il direttore tecnico Fognature e depurazioni di Girgenti Acque,  Francesco Barravecchio. L'incontro è stato utile a trattare delle problematiche connesse al sistema fognario e depurativo di Licata, con particolare riferimento a quello del rione Fondachello - Playa.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento