LicataNotizie

Eletto il baby consiglio comunale, ecco chi ne fa parte

Hanno aderito all'iniziativa gli istituti comprensivi  “Giacomo Leopardi” e il “Guglielmo Marconi”

Sono stati eletti i nuovi componenti del baby consiglio comunale di Licata. Hanno aderito all'iniziativa gli istituti comprensivi  “Giacomo Leopardi” e il “Guglielmo Marconi”.  Ecco l'elenco dei trenta nuovi componenti del baby Consiglio comunale:

Istituto comprensivo  "Giacomo Leopardi"

Vincenzo Curella (Plesso Leopardi), Cristian Vinci e  Bianca Maria Campanella (plesso Don Milani); Aurora Fatima Schifano, Aurora Zarbo, Kevin Timineri, Giorgia Cusumano, Iris Antona e Antonino Jonathan Consagra (1^ Media Bonsignore); Carmelo Lauria e Gresia Vaccaro (2^ Media Bonsignore);  Leonardo Sanfilippo, Gaia Mulè e Francesca Carla Generoso (3^ Media Bonsignore);

Istituto comprensivo "Marconi":  Alice Di Franco e Martina Sicurezza (Plesso Dino Liotta); Daniel Amato, Romina Ionita, Sofia Cammilleri e Federico Florio (1^ Media Marconi); Alessio Mancuso, Angelo Magliarisi, Vincenzo Verderame, Lucrezia Casaccia e  Giuseppe Cavaleri (2^ Media Marconi); Gabry Sances, Antonino Costa, Karola Vitali, Salvatore Malfitano e Giuseppe Florio (3^  Media Marconi).

Il candidato più votato  è stato Gabry Sances, con 63 preferenze individuali della terza  media Marconi, seguito da Leonardo Sanfilippo con 45 preferenze della terza media Bonsignore, e al terzo posto, a pari merito, con 36 preferenze ciascuna Aurora Fatima Schifano della 1^ Media Bonsignore  e Alice Di Franco del plesso Dino Liotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento