LicataNotizie

Topi in classe? Dopo la derattizzazione un'intera aula diserta le lezioni

Si è formato un capannello di genitori nell’atrio interno della scuola. La vicaria del preside ha spiegato che non ci sono più roditori e che sono state messe in atto tutte le procedure previste

(foto ARCHIVIO)

Non è finita l’emergenza topi al plesso Don Milani di via Campobello che fa parte dell’istituto comprensivo Bonsignore di Licata. Nonostante sia stata disposta, in via d’urgenza ed eseguita nella giornata di venerdì scorso, la derattizzazione, ieri mattina un gruppo di genitori - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - ha deciso di lasciare i propri figli a casa nonostante dalla scuola e dal Comune arrivino messaggi di scampato pericolo. "I nostri bambini si sono accorti che sulla Lim c’erano escrementi di topo – ha detto, al Giornale di Sicilia, una mamma – ed una volta avvisata la maestra è stato chiamato il bidello per rimuovere i resti. Questo è accaduto dopo la derattizzazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri mattina si è formato un capannello di genitori nell’atrio interno della scuola con la vicaria del preside che ha spiegato ai presenti che non ci sono più topi, che sono state messe in atto tutte le procedure previste in questi casi e che non c’è più alcun pericolo. Ma nonostante le rassicurazioni una intera classe ha disertato le lezioni. Il sindaco, Pino Galanti che è stato sollecitato da un genitore, un ex consigliere comunale ha detto di aver agito secondo quanto stabilito dalla legge. "Una volta a conoscenza del fatto – ha ribadito Galanti - non ho esitato un solo istante a disporre la derattizzazione, nel supremo interesse della salute dei bambini e della tutela igienico-sanitaria degli spazi e dei luoghi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento