LicataNotizie

Tari 2018, Udicon: "I cittadini si lamentano, importi troppo alti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Ai contribuenti Licatesi stanno arrivando le cartelle relative al pagamento della TARI 2018 e nello stesso tempo all'U.DI.CON. sono pervenute lamentele dei cittadini relativamente agli importi molto elevati rispetto all'anno precedente. Questo l'U.DI.CON. l'ha previsto tant'è che , in tempi non sospetti , aveva chiesto al Sindaco ed all'Amministrazione Comunale di revocare la delibera di C.C n° 25 del 29/3/2018 e quindi di non approvare l'aumento della tassa sulla spazzatura deliberata dalla Sig.ra Brandara (commissario regionale che amministrava LIcata ) e di adottare le tariffe dell'anno precedente . Invece il Sindaco e l'Amministrazione Comunale hanno proposto al Consiglio Comunale di Approvare con la delibera n°57 del 4/9/2018 il numero delle rate e scadenze della TARI 2018 recependo automaticamente l'aumento della tassa sulla spazzatura  deliberata dalla Sig.ra Brandara .Fatto questo, sono iniziate ad arrivare le nuove cartelle relative alla tassa sulla spazzatura e le lamentele dei cittadini relativamente agli importi molto elavati delle cartelle per il pagamento della TARI 2018 e nello stesso tempo i cittadini lamentano il fatto che non sono nelle condizioni di potere pagare la nuova tassa sulla spazzatura. Pertanto l'U.DI.CON. nell'interesse esclusivo dei cittadini di Licata rinnova al Sindaco la richieste di bloccare queste cartelle , di revocare le delibere di cui sopra e ripristinare le tariffe TARI dell'anno precedente, venendo incontro alle esigenze della cittadinanza che pagherebbe la tassa con le stesse tariffe 2017 e sicuramente non avrebbe eccessivi problemi a pagare. Per finire l'U.DI.CON. ripete al Sindaco l'adozione degli atti di cui sopra , nell'esclusivo interesse dei cittadini Licatesi .                                                                                                                                                                                                                                                                    

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento