LicataNotizie

Danni da maltempo, la giunta richiede lo stato di calamità alla Regione

L'Amministrazione Galanti si riserva in una fase successiva di provvedere alla comunicazione delle indicazioni dei privati

Piogge torrenziali di novembre, il Comune di Licata chiede il riconoscimento dello stato di calamità.

La Giunta Galanti nella giornata di ieri ha infatti deliberato la richiesta alla Regione al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti dal territorio del Comune, dalle colture agricole, dalle attività zootecniche e produttive, nonché da privati cittadini, a seguito delle eccezionali condizioni meteo avverse dei giorni 11, 12, 19, 22, 23 e 24 novembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Amministrazione si è comunque riservata di comunicare in una fase successiva al Dipartimento regionale di Protezione civile una stima dei fabbisogni per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture private danneggiate dai danni subiti dalle attività economiche e produttive, previa acquisizione di richiesta di contributo da parte degli interessati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento