LicataNotizie

Rifiuti prodotti durante la quarantena, sono costati oltre 4.500 euro in un mese

Il Comune ha liquidato la spesa alla ditta Iseda che ha prelevato i sacchi secondo un regime speciale previsto dalla Regione

foto ARCHIVIO

Il Comune di Licata nel mese di aprile ha speso poco più di 4.500 euro - per la precisione 4.537 - per le rimozione dei rifiuti prodotti dalle persone in quarantena perchè infetti da Covid-19 oppure in isolamento perchè venuti a contatto con ammalati o per altre ragioni, come ad esempio il rientro nel proprio domicilio dal Nord Italia o dall'estero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli uffici hanno liquidato la somma alla ditta Iseda che gestisce il servizio. La Regione Sicilia, in seguito all'emergenza epimediologica, ha varato un regime speciale di gestione dei rifiuti per le persone in isolamento domiciliare che li equipara, di fatto, ai rifiuti speciali e ha un costo superiore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Covid-19, il "mostro" è ancora in agguato: quattro positivi all'ospedale San Giacomo

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento