LicataNotizie

Carcasse di ovini, bovini e persino delle bare abbandonate sulla provinciale, sequestrata discarica

La polizia provinciale ha messo i sigilli a un'area dove erano stati abbandonati rifiuti speciali e pericolosi

La discarica sequestrata dalla polizia provinciale

La polizia provinciale ha posto sotto sequestro una maxi discarica abusiva in contrada Petrulla, nel territorio comunale di Licata. I rifiuti abbandonati, speciali e pericolosi, erano stati accatastati nella strada provinciale 72, nei pressi dell'intersezione con la Licata-Ravanusa.

All'interno sono state trovate carcasse e scarti di ovini, numerosi sacchi contenenti lana di pecora provenienti dalla tosatura di ovini, oltre che un recipiente in eternit, alcune bare vuote di modesta fattura (probabilmente straniere), numerosi sacchi di rifiuti solidi urbani e rifiuti in vetro e materiale plastico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La polizia provinciale, sulla base della tipologia di rifiuti trovati, ritiene che ad alimentarla siano stati piccoli imprenditori, per lo più, del settore della pastorizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • Nuovo focolaio da Coronavirus? Firetto sbotta: "Agrigento è Covid free da almeno 2 mesi"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento