LicataNotizie

Decoro urbano, ordinanza del sindaco: "Le erbacce dai lotti interclusi vanno rimosse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Nell'ambito delle iniziative mirate ala prevenzione ed al contrasto del fenomeno degli incendi estivi, il Sindaco Angelo Cambiano, con propria ordinanza n° 3/2017, ha disposto che “a tutela della salute e della sicurezza pubblica, che per tutto il periodo estivo, il centro urbano, nella immediata periferia, nelle zone balneari, nei fondi adiacenti a reti viarie di trasporto, nei canali e fossi laterali alle strade ed in tutte le aree comunque densamente abitate, tutti i lotti privati,interclusi e non, siano, dai rispettivi proprietari o da chiunque ne abbia l'obbligo, mantenuti puliti e privi di erbacce infestanti e comunque in condizioni tali da costituire pericoli d'incendio, degrado visivo e nocumento per la salute pubblica. 

Dal contenuto del documento, si evince chiaramente come la trascuratezza dei lotti interclusi e pertinenziali, oltre che a creare un impatto visivo decisamente sconfortante e di degrado, può, soprattutto, essere causa di situazioni di nocumento per la salute e la sicurezza pubblica anche per il pericolo dell'insorgere e della propagazione di incendi per la presenza di vegetazione secca facilmente infiammabile.
Da ciò la necessità di un intervento dei soggetti obbligati a farlo, al di là del fatto che l'inosservanza dell'ordinanza comporta anche l'applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie che variano da 250,00 a 500,00 euro, con la sottolineatura che trattandosi di ordinanza vertente la materia dell'igiene e della sicurezza pubblica, a carico dei proprietari e/o conduttori dei fondi, una volta individuati, sarà emanato l'ordine a provvedere alla pulizia e al diserbo dell'area con tutte le altre conseguenze previste dalla normativa vigente che disciplina e rientra nella materia. L'ordinanza è immediatamente esecutiva
 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento