LicataNotizie

"Coltivava marijuana fra piante e fiori", sequestrati 31 chili di "roba": arrestato un bracciante

Poliziotti e militari della Guardia di finanza hanno sentito un forte odore di "erba" durante i servizi di ordine pubblico per le demolizione degli immobili abusivi e hanno fatto scattare la mirata ispezione

Fra piante e fiori, coltivate in delle serre, c'era anche la marijuana. Complessivamente 31,420 chilogrammi di "roba" sono stati sequestrati dalla polizia di Stato. Un bracciante agricolo trentatreenne, Giuseppe Cammarata, di Licata è stato arrestato in flagranza di reato e, dopo le formalità di rito, è stato portato al carcere "Di Lorenzo" di Agrigento. Dovrà, adesso, rispondere dell'ipotesi di reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

 

L'arresto è stato eseguito dai poliziotti del commissariato di Licata e dai militari della Guardia di finanza. Durante il servizio di ordine pubblico per le demolizioni degli immobili abusivi, le forze dell'ordine hanno sentito provenire dai terreni circostanti un forte odore di marijuana. S'è deciso, dunque, era la tarda mattinata di ieri, di perlustrare tutti i luoghi circostanti. Le ispezioni hanno condotto poliziotti e finanzieri ad un appezzamento di terreno dove erano presenti diverse serre coltivate a piante e fiori. "In una serra, di circa 50 metri quadrati, sono state trovate 25 piante in piena fioritura di cannabis da poco recise, dall'altezza variabile compresa tra i 150 e i 180 centimetri - hanno ricostruito i poliziotti del commissariato di Licata - . Piante che erano adagiate sul terreno. All'interno del fabbricato presente, nel vano adibito a salone, sono stati trovati solo fiori già essiccati dal peso di 0,264 grammi, contenuti in un cartone da vivaio. Altri fiori di marijuana in essiccazione, dal peso di 1,040, erano posizionati sul pavimento e un altro chilo di sole foglie e arbusti di cannabis era occultato all'interno di un sacco di plastica da immondizia. In una stanza attigua al salone, adibita a camera da letto, - prosegue la ricostruzione ufficiale del commissariato di polizia di Licata - all'interno di un armadio sono state rinvenute 12 buste di plastica trasparente con marijuana già essiccata. Buste in sottovuoto per un peso ciascuna di 0,538 e quindi per complessivi 6 chili e mezzo. In una stanza, adibita a cucina, è stata ritrovata una macchina professionale digitale per il sottovuoto, una bilancia digitale di precisione, diverse buste di plastica trasparenti. La sostanza stupefacente raccolta e riposta in sacchi di plastica, una volta pesata è risultata essere complessivamente - tra quella in fioritura e quella essiccata - 31,420 grammi". 

"Scovata una serra di marijuana in una officina", arrestato un fabbro 

Per il bracciante agricolo trentatreenne Giuseppe Cammarata è scattato l'arresto in flagranza di reato ed è stato - su disposizione del sostituto procuratore di turno, titolare del fascicolo d'inchiesta immediatamente aperto, - portato alla casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Quattro colpi di pistola contro l'auto, il sindaco di Realmonte Lillo Zicari nel mirino

  • Cronaca

    Morto a 69 anni dopo trasfusione di sangue infetto, maxi risarcimento ai familiari

  • Mafia

    "Nessun rapporto con la mafia, gestivo solo la mia agenzia": Schembri si difende

  • Cronaca

    "Intercettazioni inutilizzabili e imputazioni nulle", la difesa di Castellino all'attacco

I più letti della settimana

  • L'incubo statale Agrigento-Palermo: ecco dove resta chiusa e tutte le deviazioni

  • Scommesse on line con la regia della mafia, coinvolti quattro agrigentini

  • Due colpi di fucile contro il portone e uno contro la camera da letto: 40enne nel mirino

  • Pericolo caduta massi sulla strada, chiusa la statale "Delle Solfare"

  • "Fiumi" di cocaina e hashish lungo le vie della movida: nei guai una decina di giovani

  • Agrigentini emigrati, Antonio Mallia: "Vi racconto la mia New York, la nostra città deve svegliarsi"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento