LicataNotizie

Colpi di pistola contro un portone: è il terzo episodio nel giro di un mese

L'episodio, verificatosi all'alba, è ancora avvolto dal mistero. Sono al lavoro i poliziotti del commissariato cittadino e quelli della Squadra Mobile

(foto ARCHIVIO)

Diversi colpi di pistola sono stati esplosi, all'alba, forse contro il portone di una abitazione della via Gela: nel quartiere Oltreponte di Licata. Un episodio ancora avvolto dal mistero e sul quale hanno, già da ore ormai, iniziato a lavorare i poliziotti del commissariato cittadino e quelli della Squadra Mobile di Agrigento. La polizia di Stato, a quanto pare, sta già sentendo più persone. E l'obiettivo è uno soltanto: fare rapidamente chiarezza su quanto è stato visto o sentito. Il tutto mentre la Scientifica si sta occupando dei cosiddetti rilievi tecnici. 

Colpi di pistola contro un portone, intimidito un operaio 

Una nuova intimidazione? Ma soprattutto cosa sta succedendo nell'ultimo mese a Licata? Sono molteplici gli interrogativi che gli stessi poliziotti si stanno ponendo. C'è però un dato di fatto: quanto è avvenuto stamattina è il terzo episodio - sempre nel quartiere Oltreponte - registratosi nel giro di un mese esatto. 

Quattro colpi di pistola contro il portone di casa di un operaio, aperta un'inchiesta

L'otto febbraio scorso, vennero esplosi 4, forse 5, colpi di pistola contro il portone dell'abitazione di un operaio. Lo scorso due marzo, sempre nel quartiere Oltreponte, vennero esplosi dei colpi di pistola contro il balcone di un'abitazione, balcone sul quale - a quanto pare - si trovava un giovane licatese. 

Spari contro il balcone di un'abitazione, è intimidazione? Indagini in corso 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento