LicataNotizie

Tifosi licatesi al "Barbera", il sindaco Galanti: "Siamo la rivelazione del campionato"

I gialloblù hanno perso in campo, ma sugli spalti è stato uno spettacolo. Piccoli e grandi hanno sostenuto la loro squadra del cuore

"Il Licata Calcio merita palcoscenici prestigiosi e lo ha dimostrato ieri". Queste le parole del sindaco di Licata, Galanti.  "Al 'Renzo Barbera', nello stadio di una delle società più blasonate del calcio siciliano, i gialloblù hanno disputato un grande match, hanno perso contro un avversario più forte, ma sono usciti dal campo a testa alta, dimostrando di avere le qualità ed il carattere per competere alla pari con tutti". Il primo cittadino parla all'indomani della sfida di campionato tra il Palermo ed il Licata. A trionfare (2-1) sono stati i padroni di casa, ma i gialloblù non hanno sfigurato.

La partita

"I miei complimenti  - dice il sindaco - al club, all’allenatore ed ai calciatori per quanto fatto in questo primo scorcio di stagione in serie D. Il Licata è la squadra, numeri alla mano, rivelazione di questo avvio di campionato. Complimenti agli sportivi licatesi (quasi 2.000 quelli presenti ieri sugli spalti del “Renzo Barbera”) per l’esempio di attaccamento ai colori sociali ed allo sport che hanno dato. Tante famiglie hanno assistito alla sfida, gli ultras hanno reso omaggio al Palermo con lo striscione che esalta il club rosanero. Il calcio che ci piace, anche sugli spalti, è questo: una festa. Forza Licata". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento