LicataNotizie

L'Anas annuncia: "Interventi sulle strade licatesi per 2,5 milioni di euro"

L'ente: "Programmato un intervento per il miglioramento del tracciato stradale e l'adeguamento del ponte Falconara"

Un operaio dell'Anas al lavoro (foto ARCHIVIO)

L'Anas risponde alla lettera di Mariagrazia Brandara, il commissario straordinario di Licata che nei giorni scorsi aveva scritto all'ente che si occupa delle strade, stigmatizzando la pessima situazione della viabilità nella provincia di Agrigento e precisamente nelle strade che portano a Licata e le strade provinciali. Pronta la risposta dell'Anas che dà buone notizie per il futuro delle infrastrutture stradali ad Agrigento. 

L'ente ha infatti annunciato dei lavori riguardanti la statale 115, un asse viario pericoloso, costato la vita a molte persone. "Al fine di elevare gli standard di sicurezza e una maggiore fluidità del traffico veicolare - si legge nella nota inviata al commissario - questa società ha programmato un intervento per il miglioramento del tracciato stradale e l'adeguamento del ponte Falconara, per un investimento complessivo di circa 2,5 milioni di euro". 

L'Anas risponde anche all'appello del commissario sul pericolo esondazioni, spiegando che sono in corso le attività di manutenzione per la pulizia delle cunette e l'espurgo dei tombini presenti lungo la Ss. 115, nel comune di Licata, per "facilitare lo smaltimento delle acque di piattaforma". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento