LicataNotizie

Alluvione 2016, arriva l’ultima proroga per il risarcimento danni

La decisione nasce dalla considerazione del numero delle domande pervenute con documentazione insufficiente

Allo scopo di portare a termine l'esame istruttorio delle domande di richiesta contributi per i danni subiti  al patrimonio edilizio privato a causa degli eventi atmosferici avversi del 19 novembre 2016, il sindaco Giuseppe Galanti, nel rispetto della normativa vigente, ha prorogato i termini di ultimazione e trasmissione degli atti alla Regione Sicliana al 21 gennaio 2019.

La decisione nasce dalla considerazione del numero delle domande pervenute con documentazione insufficiente, tale da non consentire di poter essere esitate e, soprattutto, a causa dei recenti, reiterati, eventi meteorologici avversi che hanno flagellato il territorio di Licata, impegnando continuamente, fino ad oggi, il personale dell'ufficio di protezione civile nella condizione di operazioni per il superamento delle emergenze, che ancora perdurano, rendendo inosservabile la tempistica stabilita per la valutazione delle stesse domande da parte del  personale incaricato.  

           

                                                                                      

Potrebbe interessarti

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

  • Difese immunitarie: come migliorarle con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Colto da un malore mentre si fa il bagno, tragedia a Porto Empedocle: muore un uomo

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Blitz "Assedio", le intercettazioni: "Io ci sono nato mafioso … mi devo vergognare che sono mafioso?"

  • Blitz antimafia "Assedio", ecco i nominativi dei fermati

  • Il pm la scagiona, lei muore poco dopo: la città piange Maria Garufo

  • Ricconi alla Scala dei Turchi, super yacht con scivolo gonfiabile

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento