LicataNotizie

L'abolizione della terza rata della Tari, l'Udicon: "Provoca un buco nel bilancio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Caro Sindaco! L'abolizione del pagamento della terza rata TARI 2018 le provoca un buoco nel bilancio, ma lei nel bilancio ha già una voragine, che ammonta a 40 milioni di EURO, e nello stempo chiede al tesoriere un’anticipazione di cassa ! Ma si rende conto delle contraddizioni delle sue azioni?.   

L’U.DI.CON., unione per la difesa dei consumatori nell’interesse dei cittadini non può non intervenire (anche perché sollecitato dai cittadini) sulle dichiarazioni fatte dal Sindaco ai mezzi d’informazione e sulle politiche che vuole effettuare. L’U.DI.CON. ribadisce ancora una volta sempre nell’interesse dei cittadini che la richiesta  di abolizione del pagamento della terza rata tari 2018 fatta dall’U.DI.CON. e dal comitato pagamento TARI 2018 ,recepita da alcuni consiglieri comunali è più che legittima. Invece la proposta fatta dai  consiglieri comunali quella di spostare il pagamento della terza rata TARI è incomprensibile e illogica, poiché non cambia nulla . Inoltre L’U.DI.CON , anche perchè i cittadini lo chiedono,  non può non stigmatizzare quanto affermato dal Sindaco  sulla  richiesta fatta dai cittadini di avere uno sgravio totale per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti solido urbani per il periodo che va da agosto a dicembre 2017 dato che in quel periodo il servizio  non è stato erogato, quindi in base alla legge e al regolamento comunale prevedono lo sgravio totale. Dato che in quel periodo il comune era amministrato dalla Signora Brandara e lo sgravio doveva essere effettuato da lei.  ( come dire che i debiti fuori bilancio dato che non sono stato causati dall’attuale sindaco lui li disconosce e non intende pagarli. Su questo l’udicon mettera a disposizione la struttura e si farà promotore assieme ai cittadini  che lo chiedono di un’azione legale nei confronti del comune per l’applicazione della legge di cui sopra. Detto questo, L’U.DI.CON  far rilevare che un sindaco che ha( 40 milioni di debiti fuori bilancio, come vuole ripianarli, forse facendoli pagare ai propri cittadini, come per la tari 2018.). Dovrebbe perseguire una politica di risparmio invece notiamo che continua con una politica di maggiori spese, vedi affidamenti diretti servizi finanziari a municipia spa ed alla geofil srl spendendo migliaia di euro  e non  far decollare la gestione in hause del servizio di riscossione tributi locali che porterebbe un risparmio alle casse comunali a regime di circa 2.000.000 milioni di euro l’anno, e( ancora oggi non capiamo perche il servizio non decolli ) Inoltre non capiamo perche far parte del consorzio di 9 comuni per quanto riguarda l’appalto di 89 milioni di euro per il servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani. Perche porterebbe ad un raddoppio dei costi del servizio rispetto a quello attuale, oggi il costo del servizio me di 7,2milioni di euro, se quello che diciamo noi non e vero, il sindaco faccia publicare il business plane relativo all’appalto e noi saremo felici di essere smentiti, ma noi pensiamo che non lo saremo.e ci fermiamo qui perche continuando si potrebbe sostenere che le politiche che intende portare avanti potrebbe portare il paese sull’orlo del baratro economico e finanziario.E sulla base di questo la invitiamo a pensare  con molta responsabilità a preparare la pratica per il dissesto finanziario che azzererebbe tutto e si ripartirebbe da capo.L'U.DI.CON.,le consiglia di dichiarare il dissesto finanziario anche perche' e' stata chiesta ancora una volta un'anticipazione di cassa al tesoriere per pagare stipendi e fornitori e nello stesso tempo interessi passivi che paghiamo noi cittadini.(questa'anno dalle carte che abbiamo gli interessi passivi dovrebbere ammontare a 150.000 euro circa). Caro Sindaco! L'UDICON le chiede a suo avviso questa puo' essere una situazione sostenibile?
Il Responsabile Provinciale U.DI.CON.
Amato Antonino

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento